Approfondimenti

Stampa

L'esperanto in Asia

Scritto da Redazione on .

L'Asia è un enorme, che comprende i due terzi della popolazione terrestre e per questo ha un rilevante peso all'interno del movimento esperantista. Possiamo suddividere il continente in cinque macro regioni, ognuna con proprie caratteristiche.
 
Asia orientale. Gli esperantisti dei quattro paesi in Asia orientale (Cina, Giappone, Corea, Mongolia) hanno frequenti contatti a livello individuale e associativo a causa della sua vicinanza geografica. Recentemente si sono svolti numerosi manifestazioni e seminari comuni e/o organizzati congiuntamente. Esiste una forte sinergia in questa area.
 
Sud-Est asiatico. Dopo il Congresso Universale di Hanoi (2012) il movimento è in Vietnam è molto attivo, non solo all'interno del Paese, svolgendo il ruolo di guida nella regione. L' Indonesia fa grandi passi. Viceversa, in Cambogia, Laos, Singapore, Malesia, Thailandia e nelle Filippine l'esperantismo non è ancora così forte. 
 
Asia meridionale. Ora il movimento in Nepal è vivace e ci sono competenti giovani esperantisti. In India l'esperantismo riscopre la prosperità di un tempo.Sebbene isolato per causa di motivi politici, il movimento in Pakistan è molto forte e ha una lunga tradizione. Anche in Bangladesh e Sri Lanka la lingua di Zmenho comincia a diffondersi. Come il Vietnam nel Sud-Est asiatico, il Nepal ha una posizione importante nella regione.
 
Asia occidentale. A marzo ci sarà il 1 ° Congresso di Esperanto iraniano, dopo un momento di chiusura verso l'esterno, che può essere un nuovo segnale in questa regione e coinvolgere i Paesi limitrofi, cioè il Pakistan, Afghanistan e paesi dell'Asia centrale .
 
Asia centrale. Una volta che il movimento in Asia centrale era molto forte ma l'attività recentemente locale è, purtroppo, diminuita molto, in Paesi come Kazakistan e Uzbekistan.  DaTagikistan, Turkmenistan, Armenia e Azerbaijan giungono  rare notizie.

comments