Approfondimenti

Stampa

Kim J. Henriksen - Amplifiki di nuovo insieme!

Scritto da Redazione on .

Se si parla di musica in Esperanto, Amplifiki è un nome che compare spesso nel nostro ambiente, anche se già da 20 anni questo gruppo non esiste più. Forse è perché Amplifiki è stato il primo gruppo rock che ha lanciato cassette e ha fatto concerti con relativo successo in Esperanto. Il gruppo ha segnato l'inizio della moderna cultura giovanile musicale esperantista.

Tutto è cominciato nel 1982 durante il IJK di Lovanio, in Belgio, dove durante la serata internazionale gli Amplifiki hanno suonato liberamente la musica di "Caffè o te". Nel 1986 hanno lanciato la prima cassetta Tute ne gravas (Non importa per nulla), a cui partecipavano Kim (tastiera e canto), Martin (chitarra), Bertil (basso), Mike (chitarra), Tomas (batteria), Alina (Aline) e Isabela (Isabelle) (canto). Nel tempo, sono arrivate altre musicassette, mentre i membri del gruppo andavano e venivano; Bertil e Martin formarono un gruppo a parte: Persone, mentre Kim diede vita al gruppo Esperanto Desperado.

Ora, a 30 anni dal primo incontro dei fondatori di Amplifiki, il gruppo si riunirà per fare un concerto - almeno questa è la promessa degli organizzatori della IJF (Festival Internazionale della Gioventù), che si svolgerà in aprile a Castelsardo in Italia. Kim J. Henriksen, uno dei fondatori del gruppo, ci racconta di questo nuovo incontro, di vecchie storie del gruppo e inoltre, del libro che ha intenzione di pubblicare sugli Amplifiki.

In effetti, di materiale ce n'è molto, come potrete voi stessi leggere più avanti, in questa intervista. E coloro che parteciperanno a questo concerto, oltre a sentirsi "di certo non soli , soli , sooooli ...", aiuteranno anche a scrivere un ulteriore capitolo della nostra cultura esperantista.

Cosa ti ha spinto ad organizzare questa riunione, dopo trent'anni, del gruppo Amplifiki?

In gran parte grazie a Facebook, ci siamo ritrovati recentemente, e ci siamo trovati a menzionare sempre più spesso che sarebbe stato divertente incontrarsi e fare un concerto insieme. E poi l'IJF ce l'ha proposto. Ci piace partecipare all'IJF e abbiamo sentito che la Sardegna ( Castelsardo ) è un luogo che vale la pena visitare! Infatti, non potremmo immaginare un posto migliore per rivederci e ricongiungerci. Abbiamo suonato più volte durante l’IJF –un evento ottimo, bello e brillante!

Quali pezzi ci proporrete durante il concerto ?

Non abbiamo programmato ancora tutto quello che suoneremo, ma abbiamo detto che sarebbe stato divertente suonare l'intero album "Tute ne gravas", dalla prima canzone fino all'ultima. Non l’abbiamo mai fatto durante un concerto. Inoltre, abbiamo effettivamente parlato di suonare diverse canzoni che facevano parte del nostro primo repertorio, ma che poi non abbiamo mai registrato.

Il programma prevede un solo concerto, ma pensate che ci potrebbe essere qualcosa di più?Vi piacerebbe, per esempio, fare piùconcerti oppure scrivere nuove canzoni con l'originale Amplifiki?

In primis, è importante dire che non solo Amplifiki farà un concerto durante IJF. Anche Martin terrà un proprio concerto con le canzoni che ha scritto nel periodo successivo ad Amplifiki, e presumibilmente Bertil lo accompagnerà. Pure io presenterò un concerto del tempo in cui ho suonato con Esperanto Desperadoe Hotel Desperado, e naturalmente alcuni dei miei progetti in corso con Helle Eble Cleary, che riguardano canti ritmici per bambini .

Infine, immagino che anche Aline e Isabelle, insieme a Micke, suoneranno brani del tempo quando Bertil, Martin e io non eravamo più nella band. Quindi tutto lo IJF sarà dedicato ad Amplifiki. Si può quasi dire che lo IJF quest'anno sarà un "Festival sui principi storici della musica rock originale in Esperanto"!

Se ci saranno più concerti, non lo posso rivelare ora. Ma posso dire che ci sono persone che si sono rivolte a noi con suggerimenti! Ma nuove canzoni ... hm ... ne dubito, e allo stesso tempo con Amplifikic'è poco di prevedibile. Siamo una band rock and roll, e in quanto tale siamo fuori controllo!

Come si è creata la band Amplifiki?

Abbiamo iniziato con tre ottimi elementi, e dopo poco tempo presto eravamo già in quattro e in un modo o nell'altro, altre due ragazze hanno sempre fatto parte della band. Quando abbiamo registrato la prima cassetta di Amplifiki, eravamo in sei . Questo ha avuto luogo nel periodo dal 1982 fino alla pubblicazione di Tute ne gravas a capodanno 1986/87. Subito dopo questa edizione, siamo stati di nuovo in quattro persone: due ragazzi e due ragazze, e alcuni pensavano che era bene, perché a quei tempi assomigliavamo agli ABBA! Così abbiamo poi fatto un concerto nel 1987.

La band è sempre cambiata. È quindi una lunga storia che speriamo un giorno poter leggere in un libro, che ho intenzione di pubblicare, che mi piacerebbe fosse pubblicato da Amplifiki. Perché secondo me, nella cultura esperantista scritta davvero manca un po' di rock and roll, quindi perché non iniziare con un libro sul primo gruppo rock che ha cantato e composto originariamente in Esperanto?

Quali sono stati i musicisti che più hanno influenzato lo stile di Amplifiki ?

Oh! In principio era chiaramente gente come Little Richard, Simon & Garfunkel e così via. La nostra provenienza è da varie parti del rock, del blues e da tradizioni ritmiche più folkloristiche.

In quei tempi, come ci si esercitava e si componeva? Dove avete suonato? Avete fatto una tournée?

Nel 1982 avevamo suonato insieme solo per caso sul palco durante la serata internazionale del IJK in Belgio. E quella è stata una canzone di Bertil, e la gente la apprezzava. Un anno dopo io e Micke abbiamo fatto un po’ di marmellata [abbiamo cantato fatuamente] e abbiamo composto un paio di canzoni che divennero immediatamente popolari durante il congresso dei giovani di Debrecen in Ungheria, ad esempio la canzone Alinee a metà settimana, noi insieme con le ragazze abbiamo scritto la canzone Tute ne Gravas, che poi finì per diventare l'inno ufficiale di quell'incontro al quale parteciparono oltre 500 persone.

L'ultima sera abbiamo creato la canzone Sola, e in effetti ... questa anche oggi, 30 anni dopo, si continua a cantare. Quindi un inizio abbastanza buono, no? Durante la nostra prima presentazione durante la IS (Seminario Internazionale) nel 83/84 abbiamo avuto sei canzoni e alla fine abbiamo trovato il nostro nome. Pochi mesi dopo, durante le vacanze di Pasqua nel 1985, abbiamo iniziato il nostro primo tour di tre settimane, cantando inizialmente sei canzoni durante l' IJF di Rimini. Quando abbiamo finito a Torino, avevamo 16 canzoni che abbiamo cantato per un pubblico per lo più non esperantista.

Continuiamo a sentire grande gratitudine verso Dario Besseghini, che ha organizzato il tour . Non credo che la band sarebbe rimasta così unita, collaborativa e ricca di canzoni, senza questo tour. A quel tempo non c'erano così tanti eventi come oggi, come ad esempio il KEF (ll festival di cultura esperantista), il FESTO... Abbiamo dunque principalmente fatto concerti durante IJK, IS, IJF e una volta all'UK – il giubileo dei 100 anni, che fu molto grande, con 7000 partecipanti a Varsavia - ma non sul palco principale...

La canzone Sola è forse quella cantata più spesso dopo La Espero, e proprio come quest'ultima anche la più spesso parodiata. Perché è una canzone che ha avuto tanto successo ?

Hm ... se proprio dovessi provare a trovare il motivo, credo che si tratti di due motivi. In primo luogo, il ritornello è molto semplice e allo stesso tempo abbastanza orecchiabile, e gran parte delle canzoni famose hanno una caratteristica simile. Tutti, anche quelli che non parlano Esperanto, percepiscono la parola e la melodia.

2 \\ Sole della Sardegna con canti di Amplifikie la band/canzoni che sono venute fuori da una linea retta… Secondariamente, ho composto il testo seguendo le sensazioni che provavo durante la cosiddetta sindrome del post-congresso, che ho sofferto molto spesso, e come me penso molti altri. Qualcosa che è importante nella mia vita è la comunione. Non soltanto nella società in cui vivo, ma c’è anche qualcosa che incontro specificamente nelle riunioni dei giovani. Quindi forse avrei dovuto cantare : insieme, insieme, insieeeeeme... ma non suona così bene ... anche se la parola è davvero molto più piacevole.

Qual è l'evento più memorabile di quel tempo per voi ?

Ce ne sono tanti, ma cantare per quasi 1000 giovani a Cracovia durante lo IJK, nel giubileo dei 100 anni della lingua Esperanto, è stata una grande cosa.

Come descriveresti lo stile diAmplifiki?

Ritmico e popolare! ;-)

Perché il gruppo si sciolse? Ci sono state comunque ancora delle collaborazioni?

Ci siamo veramente sciolti? Credo solo che abbiamo cambiato faccia, sia per le lunghe distanze tra noi, che per vari altri progetti, come ad esempio la band Persone. Così a volte siamo stati molto internazionali, a volte molto francesi, e infine per lo più svedesi ... La band ha iniziato nel 1982 e l'ultima canzone la si poteva sentire sulla compilazione di Vinilkosmo nel 1996 ( Ndr: in realtà in quella del 1995, poiché la canzone “Una esperienza banale di un giovane ragazzo”, nella compilazione del 1995, fu un contributo di Micke Englund). A quel tempo, io stesso per esempio avevo già fondato una nuova band a Copenaghen, dove vivo, di nome Brokantaĵo / Esperanto Desperado.

Cosa pensate della scena musicale contemporanea del modo esperantista?

Quali sono, secondo voi, il contributo e l’eredità, che Amplifikiha lasciato alla cultura esperantista?

Domanda interessante. Sono un po' dubbioso che molti degli attuali gruppi musicali, musicisti o interpreti

davvero conoscano le canzoni di Amplifiki..... forse ad eccezione di Sola, e forse a volte pensano che a scrivre quella canzone fu Esperanto Desperado. Allo stesso tempo ci sono veramente divertenti versioni di questa canzone, ad esempio di Duncan e JoMo.

Per molti anni ci sono state molte persone che hanno scritto/cantato ritmicamente in Esperanto. Quando Flo (Floréal Martorell) è apparso e ha fondato Eurokka e Vinilkosmo, e specificamente quando ha lanciato il Progetto 2000, si poteva dire che la nostra scena musicale cominciò a riflettere il resto del mondo. Oggi, è possibile trovare quasi tutti gli stili che vi piacciono: ska, punk, rock, reggae, hip-hop.... Ora anche mio figlio comincia a contribuire al mondo della musica Esperantista. D'altro canto, queste cose non nascono dal nulla, è anche necessario che ci siano alcune persone che acquistano la musica.

Ma penso che una delle cose principali che Amplifikiha dato alla cultura esperantista, è che devono essere concerti di artisti che cantano in Esperanto durante ogni evento esperantista. Prima di Amplifiki, si poteva assistere agli eventi senza concerti. Dopo Amplifiki, nessun evento rispettabile avviene senza concerti. Ora quello è una parte della cultura espetantista.

Ha aiutato Flo Matorell

Pagina del settore di Amplifikisu Facebook:

www.facebook.com/Amplifiki

 

comments