Apprendimento delle lingue - Ass. Tommasini: Prima si parte, meglio è

Stampa

L'assessore provinciale alla Cultura italiana Christian Tommasini commenta gli esiti della ricerca condotta dalla Libera Università di Bolzano in sinergia con L'Università Vita e salute San Raffaele di Milano riferito all'apprendimento linguistico precoce.

L'assessore provinciale alla Cultura italiana Christian Tommasini sottolinea di aver appreso con grande interesse e soddisafzione gli esiti della ricerca condotta dalla Libera Università di Bolzano in sinergia con L'Università Vita e salute San Raffaele di Milano. 
Lo studio scientifico confermerebbe, infatti come il plurilinguismo migliori le capacità cognitive, e così come sia importante il bilinguismo precoce contrariamente a quanto sostenuto da alcune parti. 
Come afferma l'assessore Tommasini: "Prima si parte e meglio è". L'apprendimento linguistico precoce, infatti, risulta avere ritorni positivi sia per la conoscenza delle lingue che per lo sviluppo cognitivo ed intellettuale. Come prosegue "gli esiti della ricerca ci confortano nel proseguire con slancio e determinazione nel promuovere programmi bi- e trilingue sia in ambito scolastico che extrascolastico e soprattutto a partire sempre prima. Nella scuola per l'infanzia da qualche anno vengono offerte lezioni di seconda lingua gratuite per bambini dai 5 anni e lezioni di seconda lingua per i bambini dai 4 anni, su richiesta dei genitori."
"L'obiettivo che perseguiamo - così Tommasini - è quello di estendere progetti e didattica trilingue a tutti i livelli scolastici ed anche in proposte in ambito extrascolastico. La conoscenza di più lingue, infatti, dà una marcia in più alle ragazze ed ai ragazzi, per il loro sviluppo cognitivo e per ottenere maggiori opportunità nel lavoro e nella vita. Negli ultimi tre anni l'offerta di progetti bi- e trilingui è cresciuta, abbiamo dato una forte accelerazione nella loro estensione. Nei prossimi mesi, i progetti posti in essere saranno presentati con manifestazioni pubbliche".