Logo

Notizie

La Federazione Esperantista Italiana alla XVIIa Edizione della Fiera del Libro di Imperia

Scritto da Amministratore. Archiviato in Notizie

Da venerdì 25 a domenica 27 maggio 2018 si svolgerà ad Imperia nel centro storico di Porto Maurizio la XVIIa Edizione della Fiera del Libro - Festival della Cultura Mediterranea. Alla manifestazione parteciperà con diversi contributi anche la Federazione Esperantista Italiana.

Venerdì 25 maggio presso il Caffè del Teatro in via Cascione (h. 18.00) si svolgerà una conferenza su Ludwik Zamenhof e la presentazione del libro "Via Zamenhof, creatore dell'esperanto" del regista e scrittore Roman Dobrzynski. L’opera abbraccia oltre 60 anni di storia europea offrendone un brillante spaccato, dedica molte pagine all'evoluzione dell'esperanto nonché alla vita di Zamenhof, di cui nella prefazione Davide Astori ricorda le celebri parole: "Se non fossi ebreo del ghetto, l'idea di unire oppure no l'umanità non mi avrebbe sfiorato, o almeno non mi avrebbe così costantemente ossessionato durante tutta la mia vita."

Domenica 27 maggio presso l’Isola Mediterranea la Federazione Esperantista Italiana organizzerà una conferenza su Clarence Bicknell,durante la quale sarà presentata la sua biografia “Pado al Paradizo – Clarence Bicknell kaj la valo de la mirindaĵoj” (Sentiero al Paradiso, Clarence Bicknell nella valle delle meraviglie) in lingua esperanto. In nome di Bicknell, è legato alla Liguria e, in particolare, a Bordighera, dove nel 1888 aprì un museo con biblioteca. A livello internazionale è conosciuto per la scoperta delle incisioni rupestri del Monte Bego e in quanto pioniere della movimento esperantista in Italia.

La sua convinzione che l’istruzione possa migliorare sensibilmente la qualità della vita lo portò, infatti, a poco a poco verso l’idea di una lingua internazionale. Si avvicinò così all’esperanto, una lingua parlata tutt’ora in tutto il mondo e diffusasi per essere “un fondamento neutrale sul quale i diversi gruppi umani possano pacificamente e fraternamente mettersi in comunicazione” secondo la definizione del suo iniziatore, il polacco Ludwik Zamenhof. A quest’ultimo è dedicata una mostra articolata in 18 pannelli bilingui (italiano-esperanto) gentilmente concessi dall’Ambasciata di Polonia in Italia, visitabile durante la durata dell’intera fiera presso lo stand della Federazione Esperantista Italiana in via Cascione.