Approfondimenti

  • Zamenhof, la voce del mondo

    L'inventore dell'esperanto, la lingua parlata da 3 milioni di persone nel mondo Il 14 aprile di 100 anni fa si spegneva a Varsavia dopo un lungo viaggio un medico polacco, riconosciuto poi nel 1959 dall'Unesco come “una delle grandi personalità dell'umanità”. Un uomo dal cuore generoso come Don Chisciotte, ma che al contrario di quest'ultimo era mosso da alti e concreti ideali e non dai vaneggiamenti nati dalla lettura di romanzi cavallereschi. Lejzer Zamenhof aveva iniziato il suo ultimo percorso verso casa dalla Francia, ed attraversando l'Europa in conflitto aveva visto le sue speranze infrangersi, così come il suo ultimo “Appello ai...

Joomla! Україна

Notizie

Stampa

20 ottobre - Premio per la miglior tesi in “Interlinguistica ed Esperantologia” e Giornata di studio sull’Esperanto

Scritto da Redazione on .

Gli eventi si svolgeranno nell’Aula Ferrari del Plesso d’Azeglio e nell’Aula della Bandiera del Palazzo Centrale
 
Martedì 20 ottobre, alle ore 10.30, nell’Aula Ferrari del Plesso Universitario di via d’Azeglio 85) avrà luogo la cerimonia di consegna del Premio di Laurea “Giorgio Canuto” per la miglior tesi di laurea in “Interlinguistica ed Esperantologia” a Irene Calligaris (Università di Torino) per la tesi dal titolo “Una lingua per tutti, una lingua di nessun paese. Una ricerca sul campo sulle identità esperantiste”.
 
Introduce Davide Astori, del Dipartimento di Antichistica, Lingue, Educazione, Filosofia - A.L.E.F.
 
Dopo i saluti di Giuseppe Gilberto Biondi, Direttore del Dipartimento A.L.E.F., il premio verrà assegnato da Luigia Oberrauch Madella, Presidente dell’Associazione Esperanto “G. Canuto” di Parma.
 
Prolusione di Federico Gobbo, Università degli Studi di Amsterdam, dal titolo “Interlinguistica e multilinguismo”.
 
Presenta Michela Lipari, Presidente della Federazione Esperantista Italiana.
 
Nel pomeriggio, alle ore 16, nell’Aula della Bandiera (Palazzo Centrale, via Università 12) avrà luogo la Giornata di studio sul tema: “Esperanto e UNESCO. A 60 anni dalla Risoluzione di Montevideo”.
 
Sono previsti interventi di Davide Astori, linguista, Dipartimento A.L.E.F. (“Gli ideali di globalizzazione zamenhofiani di inizio Novecento”), Carlo Minnaja, già Università di Padova, Akademio de Esperanto (“La conferenza di Montevideo (1954) e L.L. Zamenhof, personalità dell’Unesco”), di Giorgio Novello, ambasciatore italiano ad Oslo e a Reykjavik (“Diplomazia, collaborazione tra nazioni, idealità dell’UNESCO: il ruolo dell’inter-comprensione e della pianificazione linguistica anche alla luce dell'esempio norvegese”) e di Giovanni Agresti, sociolinguista, Università di Teramo (“Tutela, rispetto e promozione delle minoranze linguistiche e culturali”).

comments