Approfondimenti

  • Zamenhof, la voce del mondo

    L'inventore dell'esperanto, la lingua parlata da 3 milioni di persone nel mondo Il 14 aprile di 100 anni fa si spegneva a Varsavia dopo un lungo viaggio un medico polacco, riconosciuto poi nel 1959 dall'Unesco come “una delle grandi personalità dell'umanità”. Un uomo dal cuore generoso come Don Chisciotte, ma che al contrario di quest'ultimo era mosso da alti e concreti ideali e non dai vaneggiamenti nati dalla lettura di romanzi cavallereschi. Lejzer Zamenhof aveva iniziato il suo ultimo percorso verso casa dalla Francia, ed attraversando l'Europa in conflitto aveva visto le sue speranze infrangersi, così come il suo ultimo “Appello ai...

Joomla! Україна

Rassegna

Stampa

Verso un passaporto linguistico per stranieri

Scritto da Redazione on . Postato in Rassegna Stampa

La Confederazione vuole introdurre un documento per gli stranieri che non hanno come lingua materna uno degli idiomi nazionali


La Confederazione intende introdurre un passaporto linguistico per quegli stranieri, intenzionati ad ottenere un permesso di domicilio, che non hanno come lingua materna uno degli idiomi nazionali. Il documento "sarà pronto al più presto nel 2015", ha indicato il responsabile del settore Integrazione presso l'Ufficio federale della migrazione (UFM) Adrian Gerber all'ats, confermando una notizia in questo senso pubblicata oggi dalla "NZZ am Sonntag".

Scopo è di concedere il permesso illimitato (tipo C) solo a quelle persone che sono in grado di farsi capire in maniera soddisfacente. Non è ancora chiaro, ha precisato Gerber, quale sarà il livello di competenze linguistiche richiesto. In ogni caso un premesso di domicilio è ottenibile solo dopo aver vissuto almeno 5 anni in Svizzera, si presume quindi che le persone in questione abbiano il tempo necessario per apprendere una delle lingue del paese.

In pratica anche tutti gli stranieri che richiedono un permesso di tipo B possano ottenere un documento di questo tipo: in questo caso sono richieste competenze linguistiche ma non vi sarà nessun esame sistematico per controllarle. L'onere burocratico sarebbe decisamente sproporzionato, ha rilevato Gerber.

In occasione del rinnovo di un permesso (B o C) i cantoni hanno il potere di obbligare uno straniero a frequentare un corso di lingua, qualora si scoprisse che le sue competenze in materia sono insufficienti.

Leggi l'articolo di Roberto Canali - ilgiorno.it

comments