Approfondimenti

  • Zamenhof, la voce del mondo

    L'inventore dell'esperanto, la lingua parlata da 3 milioni di persone nel mondo Il 14 aprile di 100 anni fa si spegneva a Varsavia dopo un lungo viaggio un medico polacco, riconosciuto poi nel 1959 dall'Unesco come “una delle grandi personalità dell'umanità”. Un uomo dal cuore generoso come Don Chisciotte, ma che al contrario di quest'ultimo era mosso da alti e concreti ideali e non dai vaneggiamenti nati dalla lettura di romanzi cavallereschi. Lejzer Zamenhof aveva iniziato il suo ultimo percorso verso casa dalla Francia, ed attraversando l'Europa in conflitto aveva visto le sue speranze infrangersi, così come il suo ultimo “Appello ai...

Joomla! Україна

Rassegna

Stampa

“Avviso per gli studenti americani: studiare il francese, che sciocchezza!”

Scritto da Redazione on . Postato in Rassegna Stampa

Un articolo su New Republic stronca la mania delle scuole newyorchesi di insegnare il francese ai propri allievi e le pretese dei genitori di farglielo imparare: “Non serve a niente, meglio il cinese o l’arabo”

Chissà i francesi come l’hanno preso. Ma magari non l’hanno neppure letto. Il pezzo di John McWhorter ha infatti due caratteristiche indigeste per un eventuale lettore gallico: è stato pubblicato da una rivista americana, “New Republic”, ed è in inglese. Se però a Parigi qualcuno si è dato la pena di affrontare l’immane fatica di decrittare qualcosa non scritto in francese, gli sarà saltata la mosca al naso e l’arguta prosa di mister McWhorter gli avrà fatto la stessa atroce impressione di bere uno champagne caldo o un cognac freddo. Già il titolo è una stilettata al cuore di ogni francese, che non è la sua cucina come si potrebbe pensare, ma la sua lingua: “Let’s stop pretending that french is an important language”, fatela finita di credere che il francese sia una lingua importante. Merde! Più che un titolo, un ceffone. Addio Molière, ciao Racine, bye bye Voltaire e tanti saluti a Sartre. 

Leggi l'articolo di Alberto Mattioli - lastampa.it

comments