Approfondimenti

  • Zamenhof, la voce del mondo

    L'inventore dell'esperanto, la lingua parlata da 3 milioni di persone nel mondo Il 14 aprile di 100 anni fa si spegneva a Varsavia dopo un lungo viaggio un medico polacco, riconosciuto poi nel 1959 dall'Unesco come “una delle grandi personalità dell'umanità”. Un uomo dal cuore generoso come Don Chisciotte, ma che al contrario di quest'ultimo era mosso da alti e concreti ideali e non dai vaneggiamenti nati dalla lettura di romanzi cavallereschi. Lejzer Zamenhof aveva iniziato il suo ultimo percorso verso casa dalla Francia, ed attraversando l'Europa in conflitto aveva visto le sue speranze infrangersi, così come il suo ultimo “Appello ai...

Joomla! Україна

Rassegna

Stampa

Riviste. “Eurasia” e l’importanza della lingua per i popoli

Scritto da Redazione on . Postato in Rassegna Stampa

Quanto è importante la lingua di un popolo? Non tutte le lingue hanno lo stesso rilievo e dalla diffusione dell’idioma di un popolo si può comprendere l’importanza che il suo paese ha ricoperto o ricopre ancora dal punto di vista geopolitico.

A questo interessante tema è dedicato l’ultimo numero di Eurasia (“La geopolitica delle lingue”, pagg. 264, euro 18; www.eurasia-rivista.org) che, con saggi di docenti universitari, esperti di politica estera, ambasciatori e storici, fa il punto sul significato della lingua e sulle applicazioni politiche e strategiche che può avere nello scacchiere internazionale. Come ricorda nell’editoriale Claudio Mutti, il direttore della rivista, il grammatico e lessicografo spagnolo Elio Antonio de Nebrija (1441-1552) disse che “la lingua è compagna dell’Impero” o come disse il maresciallo di Francia Louis Lyautey (1854-1934) “La lingua è un dialetto che ha un esercito e una marina”. Due definizioni che rilevano bene come dai grandi politici e strateghi la diffusione della propria lingua sia considerata una potente arma perché è il primo passo per introdurre mentalità, mode, sensibilità e quindi infleunza politica e vantaggi reali per i madrelingua.

Partendo da questa considerazione, quasi tutto il fascicolo affronta quea tematica da più punti di vista: dalla visione di Platone a quella di Carl Schmitt, passando per l’analisi della lingua russa negli Stati baltici, la lingua dell’Islam come anche un’analisi geopolitica del futuro della diffusione della lingua cinese. E’ analizzata la diffusione della lingua inglese e le sue implicazioni di carattere politico nel mondo globalizzato come anche è approfondita la diffusione delle lingue spagnola e italiana. Conclude il fascicolo le consuete interviste e recensioni di libri.

comments