Approfondimenti

  • Zamenhof, la voce del mondo

    L'inventore dell'esperanto, la lingua parlata da 3 milioni di persone nel mondo Il 14 aprile di 100 anni fa si spegneva a Varsavia dopo un lungo viaggio un medico polacco, riconosciuto poi nel 1959 dall'Unesco come “una delle grandi personalità dell'umanità”. Un uomo dal cuore generoso come Don Chisciotte, ma che al contrario di quest'ultimo era mosso da alti e concreti ideali e non dai vaneggiamenti nati dalla lettura di romanzi cavallereschi. Lejzer Zamenhof aveva iniziato il suo ultimo percorso verso casa dalla Francia, ed attraversando l'Europa in conflitto aveva visto le sue speranze infrangersi, così come il suo ultimo “Appello ai...

Joomla! Україна

Rassegna

Stampa

Più attenzione alle minoranze linguistiche, Berna fa ammenda

Scritto da Redazione on . Postato in Rassegna Stampa

Approvata tacitamente una mozione di Fabio Abate che chiede una maggiore promozione del plurilinguismo

BERNA - I ripetuti errori nei requisiti linguistici presenti nei bandi di concorso dell'amministrazione federale non devono ripetersi. È quanto sostiene il Consiglio degli Stati che ha tacitamente approvato una mozione del Consigliere nazionale PLR Fabio Abate con la quale si chiede al governo di completare le istruzioni concernenti la promozione del plurilinguismo.

"Attualmente la situazione è preoccupante", ha sostenuto Didier Berberat (PS/NE). Se nell'insieme dell'amministrazione federale viene rispettata grosso modo la ripartizione linguistica, ci sono infatti sono ancora grosse differenze a livello di dipartimenti e di uffici federali, ha precisato il neocastellano.

Abate ha poi ricordato le interpellanze che lui stesso e Filippo Lombardi (PPD/TI) hanno depositato per segnalare i concorsi che chiedevano una perfetta padronanza del francese e del tedesco, senza menzionare l'italiano. Per il ticinese, la terza lingua nazionale è completamente dimenticata dall'amministrazione federale, la prassi non rispetta dunque le disposizioni sul plurilinguismo. 

Leggi l'articolo di tio.ch

comments