Approfondimenti

  • Zamenhof, la voce del mondo

    L'inventore dell'esperanto, la lingua parlata da 3 milioni di persone nel mondo Il 14 aprile di 100 anni fa si spegneva a Varsavia dopo un lungo viaggio un medico polacco, riconosciuto poi nel 1959 dall'Unesco come “una delle grandi personalità dell'umanità”. Un uomo dal cuore generoso come Don Chisciotte, ma che al contrario di quest'ultimo era mosso da alti e concreti ideali e non dai vaneggiamenti nati dalla lettura di romanzi cavallereschi. Lejzer Zamenhof aveva iniziato il suo ultimo percorso verso casa dalla Francia, ed attraversando l'Europa in conflitto aveva visto le sue speranze infrangersi, così come il suo ultimo “Appello ai...

Joomla! Україна

Rassegna

Stampa

Lubiana non vuole il serbo

Scritto da Redazione on . Postato in Rassegna Stampa

Il Consiglio d'Europa avverte la Slovenia: bisogna eliminare scorie del passato come quella che non riconosce l'uso della lingua serba come diritto della minoranza
 
Il Consiglio d'Europa ha sollecitato il governo di Lubiana ad assumere una decisione che oggi appare largamente scontata ma appare figlia delle tensioni che vent'anni fa accompagnarono la fine della ex Jugoslavia; quella di inserire nella Costituzione l'uso delle lingue che appartengono alle minoranze. Nel caso della Slovenia la secessione praticamente si svolse senza violenze (il solo altro esempio di questo tipo sarebbe stato poco dopo quello della Macedonia) ma Lubiana era anche capitale del solo luogo in cui non si parlasse la lingua serbo-croata che veniva insegnata nelle scuole, ed anche per questo era vista come simbolo di un potere che in quei momenti veniva rifiutato.
 
Leggi l'articolo di italintermedia.globalist.it/

comments