Approfondimenti

  • Zamenhof, la voce del mondo

    L'inventore dell'esperanto, la lingua parlata da 3 milioni di persone nel mondo Il 14 aprile di 100 anni fa si spegneva a Varsavia dopo un lungo viaggio un medico polacco, riconosciuto poi nel 1959 dall'Unesco come “una delle grandi personalità dell'umanità”. Un uomo dal cuore generoso come Don Chisciotte, ma che al contrario di quest'ultimo era mosso da alti e concreti ideali e non dai vaneggiamenti nati dalla lettura di romanzi cavallereschi. Lejzer Zamenhof aveva iniziato il suo ultimo percorso verso casa dalla Francia, ed attraversando l'Europa in conflitto aveva visto le sue speranze infrangersi, così come il suo ultimo “Appello ai...

Joomla! Україна

Rassegna

Stampa

L’afrikaans continua a dividere il Sudafrica

Scritto da Redazione on . Postato in Rassegna Stampa

La lingua afrikaans torna a dividere il Sudafrica. Nel corso della settimana centinaia di studenti hanno protestato contro il diffuso uso della lingua afrikaans nell’Università di Stellenbosch. Secondo i manifestanti, l’afrikaans verrebbe preferito all’inglese dal corpo docenti e, attraverso esso, si promuoverebbe una cultura razzista. Molti sudafricani, soprattutto quelli di colore, vedono nell’afrikaans la lingua dei bianchi. E non senza ragioni. L’Università di Stellenbosch, prima della fine del regime segregazionista, era un bastione del potere bianco e si insegnava solo in afrikaans. Dal 1994, anno della fine del regime di apartheid, l’università ha poi introdotto insegnamenti in inglese. Afrikaans e inglese dovrebbero essere sullo stesso piano, ma gli studenti sostengono che l’afrikaans è favorito. «Non si tratta semplicemente di una lingua come strumento di insegnamento – ha detto lo studente attivista Mo Shabangu ad Al Jazeera -. Si tratta di una lingua che si collega alla cultura istituzionale legata allo spirito dell’apartheid».
Leggi l'articolo di africarivista.it

comments