Approfondimenti

  • Zamenhof, la voce del mondo

    L'inventore dell'esperanto, la lingua parlata da 3 milioni di persone nel mondo Il 14 aprile di 100 anni fa si spegneva a Varsavia dopo un lungo viaggio un medico polacco, riconosciuto poi nel 1959 dall'Unesco come “una delle grandi personalità dell'umanità”. Un uomo dal cuore generoso come Don Chisciotte, ma che al contrario di quest'ultimo era mosso da alti e concreti ideali e non dai vaneggiamenti nati dalla lettura di romanzi cavallereschi. Lejzer Zamenhof aveva iniziato il suo ultimo percorso verso casa dalla Francia, ed attraversando l'Europa in conflitto aveva visto le sue speranze infrangersi, così come il suo ultimo “Appello ai...

Joomla! Україна

Rassegna

Stampa

Algeria. La guerra delle lingue

Scritto da Redazione on . Postato in Rassegna Stampa

In concomitanza con l’inizio dell’anno scolastico, si è innescato in Algeria un conflitto ideologico su lingua e identità dopo che è divenuta consuetudine l’insegnamento dei dialetti algerini già a partire dalla giovane età 
 
Algeri - Il dibattito sull’insegnamento del dialetto algerino, che è un misto di arabo, francese e spagnolo, è riemerso a seguito delle esortazioni espresse durante una conferenza tenuta dal Ministero della Pubblica Istruzione nel mese di giugno – con la partecipazione di esperti in materia di istruzione – dove si invitava a continuare a insegnare la lingua araba agli studenti delle scuole primarie di età compresa tra i 5 e i 6 anni; i bambini utilizzano infatti dialetti colloquiali delle aree in cui vivono, in quanto non conoscono ancora l’arabo classico.
 
Questo “passaggio non pianificato” farebbe delle scuole algerine “la gatta sul tetto che scotta”, dal momento che gli oppositori denunciano i bassi livelli di istruzione, in maniera considerevole per quanto riguarda la conoscenza della lingua francese, dalle classi primarie fino all’università.
 
Leggi l'articolo di Amine Lonisi su nena-news.it
 

comments