Categoria: Notizie
Visite: 216
Stampa

Il tema della Giornata internazionale della Pace di quest'anno, celebrata ogni anno il 21 settembre, è "Costruendo insieme la pace". Nel 2020 ricorre anche il 75° anniversario della fondazione delle Nazioni Unite, istituite secondo la sua Carta, per "salvare le generazioni future dal flagello della guerra".

Il movimento esperantista, di cui la Federazione Esperantista Italiana (www.esperanto.it) è la maggiore espressione in Italia, è una comunità per il dialogo internazionale attraverso la lingua internazionale esperanto, i cui valori fondanti sono conservazione e la promozione della pace. Nell'anno 2020, il Festival mondiale dell'esperanto si è tenuto causa pandemia in formato virtuale con il tema "75 anni delle Nazioni Unite: dialogo e comprensione reciproca in un mondo che cambia". Migliaia di esperti di lingua esperanto provenienti da cento paesi sono stati coinvolti nella discussione, che ha costituito un dialogo diretto e completamente aperto tra pari che trascendeva i continenti. La domanda chiave è stata "Cosa possiamo fare come individui per promuovere la pace e la comprensione e come possiamo aiutare le Nazioni Unite nella ricerca di un mondo migliore, più pacifico e prospero?" Convinti che la pace tra le nazioni parte dal cuore degli individui, gli esperantisti continuano i propri sforzi per porre all'attenzione della società civile la necessità di un dialogo aperto.

 

L'esperanto è usato per rispondere a una precisa esigenza, avere “un fondamento neutrale sul quale i diversi gruppi umani possano pacificamente e fraternamente mettersi in comunicazione”. L'esperanto è una seconda lingua accessibile a tutti ed è espressione di una cultura mondiale che va oltre degli interessi e del peso politico/militare di una singola nazione.

L'anno 2021 è stato dichiarato dalle Nazioni Unite Anno internazionale della pace e della fiducia. La Federazione Esperantista Italiana invita non solo i suoi soci ma tutta la società civile a lavorare alla costruzione di un clima di pace e fiducia e dei modi, unica possibile premessa per affrontare le sfide del futuro e costruire un mondo migliore.