Logo

A Trieste l'86esimo congresso italiano di Esperanto

Scritto da Amministratore. Archiviato in Notizie

Sabato 24 agosto 2019 si aprirà a Trieste l'86esimo congresso italiano di Esperanto. La manifestazione, che quest'anno avrà come tema "Multiculturalità e plurilinguismo oggi", è organizzata dalla Federazione Esperantista Italiana.
Il congresso ha un importante valore, non solo culturale: è prevista la partecipazione di 300 delegati dall'Italia e dal mondo. Il programma prevede seminari, tavole rotonde, corsi di Esperanto per principianti e avanzati, un servizio librario con novità editoriali, concerti, spettacoli teatrali ed escursioni.
Gli amanti della filatelia saranno felici di sapere che il pomeriggio del 25 agosto ci sarà anche un annullo postale dedicato alla manifestazione. Sempre nell'ambito del congresso, inoltre, la Federazione Italiana invita la cittadinanza a visitare l’esposizione "Trieste e l’Esperanto – La filatelia nello sviluppo della lingua internazionale a Trieste", che sarà inaugurata già domani venerdì 23 agosto alle 17:00 presso il Museo postale e telegrafico della Mitteleuropa (Piazza Vittorio Veneto, 1).
Il congresso, patrocinato dalla Regione Friuli Venezia Giulia, dai comuni di Trieste e Gorizia, dalla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura Venezia Giulia e dal Club per l’Unesco di Udine, si chiuderà il 31 agosto 2019. Il programma è disponibile all'indirizzo: https://kongreso2019.esperanto.it/programma/

Oggi è il compleanno di una lingua parlata in tutto il mondo

Scritto da Amministratore. Archiviato in Notizie

Una lingua oggi festeggia i suoi 132 anni di vita e di costante crescita: è l’esperanto, lanciato il 26 luglio 1887 dal polacco Zamenhof attraverso la pubblicazione di un opuscolo in russo a Varsavia. All’inizio, questa lingua non aveva nemmeno un vero nome. Il libricino si intitolava laconicamente “Lingua internazionale” e venne tradotto in francese, inglese, ecc. Sulla copertina c’era anche lo pseudonimo dell’autore “Dottor Esperanto”, il dottore che spera.

La lingua da allora si è diffusa, nonostante i conflitti mondiali e le persecuzioni da parte dei totalitarismi, per offrire un fondamento neutrale sul quale gli uomini possano mettersi in comunicazione egualitariamente e fraternamente. Per abbattere le barriere dell’incomunicabilità tra persone di diversa cultura. Si può apprenderla con lezioni dal vivo presso i gruppi locali, studiandone un libro di grammatica oppure con internet. Oltre i corsi gratuiti offerti dalla Federazione Esperantista Italiana, c’è anche Duolingo.

L’esperanto nella sua storia ha visto crescere autori di prosa e poesia che hanno dato sempre maggiore lustro alla lingua. Gli autori di riferimento nel mondo esperantista sono tanti: francesi (Waringhien), ungheresi (Kalocsay, Baghy), scozzesi (Auld) per citarne alcuni. Tanti scrittori provenienti da diverse parti del mondo e da diverse culture hanno creato una letteratura che si caratterizza per varietà di temi, di storie, di stili. La lingua internazionale esperanto è oggi una realtà viva della cultura mondiale, come anche testimoniato da due risoluzioni UNESCO (Montevideo 1954 e Sofia 1985).

Una lingua vive non solo di letteratura ma soprattutto di comunicazione quotidiana e l’esperanto non è un’eccezione: la comunità esperantista è diffusa in tutto il mondo ed esiste anche circa un migliaio di persone che lo parlano come lingua madre. Durante l’anno, inoltre, si svolgono numerose manifestazioni rivolte agli esperantofoni: uno di questi è il congresso italiano, organizzato dalla Federazione Esperantista Italiana a Trieste dal 24 al 31 agosto 2019 con il tema “Multiculturalità e plurilinguismo oggi”.

Le associazioni esperantiste invitano a una crescente attenzione verso i temi della diversità linguistica

Scritto da Amministratore. Archiviato in Notizie

Nel febbraio 2019 l'Associazione Mondiale per l'Esperanto si congratula con L'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura (Unesco) per la crescente attenzione verso i temi della diversità linguistica, sottolineando allo stesso tempo l'esigenza di un maggior impegno e un più largo dibattito su giustizia e uguaglianza linguistica.

Il primo numero del Corriere dell'Unesco, disponibile online nelle sei lingue ufficiali dell'organizzazione (inglese, francese, spagnolo, arabo, russo e cinese) e in portoghese e in esperanto (come da contratto), contribuisce in modo significativo a portare l'attenzione del pubblico internazionale circa le lingue delle popolazioni indigene. La rivista è scaricabile dal sito dell'Unesco (https://unesdoc.unesco.org/ark:/48223/pf0000366654_epo) e dal sito web del Corriere (http://kuriero.esperas.info).

Questo numero è un prezioso complemento all'opera pubblicata nel 2018 dall'UNESCO e dalla Cambridge University Press, intitolata "Conoscenze indigene per la valutazione del cambiamento climatico e l'adattamento ad esso", che mette in evidenza l'essenza del sapere indigeno di fronte alle nuove sfide globali. Per le popolazioni indigene, la lingua non è solo un marchio di identità e appartenenza al gruppo, ma anche un mezzo di trasmissione dei valori. Si tratta di un intreccio di conoscenze essenziali per la sopravvivenza delle persone di un particolare territorio.

L'Associazione Mondiale per l'Esperanto, la cui sezione italiana è la Federazione Esperantista Italiana (www.esperanto.it), da oltre 60 anni lavora con le Nazioni Unite (ONU) in molti settori, tra cui quello della Cultura e promuove l'impegno multilaterale del movimento esperantista per un mondo più pacifico, giusto e sostenibile.

Gratulon, Alfonso Cuarón!

Scritto da Amministratore. Archiviato in Notizie

La Federazione Esperantista Italiana si congratula con il regista Alfonso Cuarón per la vittoria dell'Oscar 2019 alla miglior regia per il film Roma. Egli aveva già vinto già nel 2014 l'ambito premio per la direzione del film Gravity.

Il regista messicano ha più volte dimostrato la sua simpatia verso l'esperanto, la lingua internazionale iniziata da Ludovico Zamenhof. Cuarón si è avvicinato alla causa durante l'adolescenza dopo la lettura del libro "Niebla", un libro dello scrittore spagnolo Unamuno, come spiega il regista spagnolo, "ho subito provato simpatia per il vecchio zio della ragazza che piaceva al protagonista, un anarchico eccentrico che parlava l'esperanto. E nessuno lo capiva, perché diceva tutto in esperanto. Ma la cosa buona è che tutto ciò che stava dicendo in esperanto, tutto ciò di cui parlava, era la fratellanza dell'umanità. Quindi per me sono molto connessi, l'idea dell'esperanto e questo concetto".

Noi sosteniamo la diversità linguistica

Scritto da Amministratore. Archiviato in Notizie

Il 21 febbraio 1952 la polizia ha ucciso a fucilate, nell'Università di Dhaka (oggi capitale dell'odierno Bangladesh, allora città del Bengala Orientale) molti studenti scesi in piazza per il riconoscimento della loro lingua madre, il bengalese (bangla / bn / বাংলা ভাষা), che si voleva espellere dall'università a favore di una lingua "più grande", parlata dai potenti di allora.

Si tratta di un fatto che si ripete, in diverse forme, continuamente in tutto il mondo e attraverso tutta la storia, non solo in Asia, ma anche negli altri continenti, come in molti paesi europei e particolarmente nei continenti extraeuropei, verso le lingue indigene, le lingue degli antichi abitanti. In pratica, questo accade di solito per le spinte, gli obblighi o qualunque imposizione per l'uso di una lingua, ad esempio l'inglese, il francese ma non solo, da parte di una grande potenza economica, politica, militare o statale, per rafforzare la propria posizione nel mondo - a sfavore delle locali lingue materne.